Sei un Dentista?

Scopri come essere visibile su questa e su altre directory

Cerca il Dentista

L’igiene orale nei bambini è importante fin da piccoli

igiene orale nei bambini

Tutti sappiamo che una buona igiene orale permette di prevenire, fin dai primi mesi di vita, la carie ed altre malattie della bocca.

Come sempre, la prevenzione dipende dall’esempio dei più grandi, dal tipo di alimentazione dal tipo di igiene orale che si esegue quotidianamente.

Per i bambini la cosa importante è: giocare!

Quindi anche l’igiene orale può diventare un momento di gioco e di divertimento per educare i più piccoli all’importanza di avere e mantenere una buona salute orale.

Imparare a lavarsi i denti sarà un po’ come giocare insieme e non sarà vissuto come un dovere.

Piccoli consigli per far crescere il vostro bambino con una bocca sana.

igiene orale

La prima cosa da ricordare è che i denti cariati non sono ereditari, perché nascono sani, quindi è nostro dovere mantenerli come tali.

Ci sono dei denti che si formano nel bambino ancora prima della nascita e sono i dentini decidui. Sono i denti destinati a cadere, ma non per questo meno importanti, anzi.

L’allineamento e lo stato di salute dei denti permanenti dipende principalmente proprio dai denti da latte o decidui. Il ruolo del dente deciduo è proprio quello di stimolare e guidare la crescita dei futuri permanenti.

Quindi è molto importante che la mamma segui una buona e sana alimentazione già durante la fase della gravidanza quando inizia il processo di calcificazione dei dentini.

La bocca per i bambini è importantissima, perché attraverso questa il bambino sperimenta, conosce ed assapora il mondo che lo circonda, attraverso il gusto ed il piacere. 

1.  L’igiene orale nei primi mesi

La mamma, per quanto riguarda l’igiene orale, ha una grande responsabilità nei primi mesi di vita del bambino.

Ad esempio, può praticare un’efficace igiene orale, dopo l’allattamento, utilizzando una garza sterile e massaggiando le gengive e la lingua delicatamente.

Ripulendo le mucose interne della bocca, dopo l’assunzione di latte, è possibile rimuovere la pellicola di placca appena creatasi nella bocca.

Dal 6° mese di vita, la mamma può utilizzare la stessa identica pratica per pulire la superficie dei denti decidui che iniziano a venire a contatto con le prime pappine ed i primi alimenti per neonati.

Quando erompono i primi dentini, è necessario rafforzare le manovre di igiene orale. I residui alimentari possono attaccare sin dall’inizio e provocare la carie. Quindi perché aspettare?

2. L’uso corretto del succhiotto

Succhiare è un riflesso fisiologico che soddisfa un bisogno primario: mangiare. Inoltre, la suzione ha una funzione terapeutica, perché calma, diminuisce l’intensità del dolore fisico e concilia il sonno del bambino.

Nonostante tutto ciò, è bene evitare che il ciuccio diventi troppo importante per il bambino. Il succhiotto non deve diventare il sostituto dell’attenzione dei genitori, né tantomeno un modo per non sentire il bambino piangere. Questo è sbagliato!

Il ciuccio o la tettina del biberon devono essere sostituiti al massimo ogni 3 mesi e non devono essere utilizzati come veicolo di sostanze dolci o medicinali.

ATTENZIONE: Intingere il succhiotto nel miele o nello zucchero può favorire la formazione della carie sui denti decidui e successivamente sui denti permanenti.

Di solito, per evitare danni ai denti e allo sviluppo delle ossa mandibolari e mascellari, si consiglia di togliere il succhietto entro il terzo anno d’età.

3. La flora batterica della boccaI batteri che vivono nella bocca del neonato possono essere influenzati da atteggiamenti sbagliati dei genitori, ad esempio con lo scambio di saliva.

Mettersi in bocca il ciuccio prima di passarlo alla bocca del piccolo, non è un gesto propriamente corretto.  

Per questo è bene non toccare con la bocca il succhietto, il biberon e tutti gli oggetti che il bambino può portare alla bocca.4. Quando iniziare ad utilizzare lo spazzolino?

Di norma il primo spazzolino viene utilizzato dai genitori sui dentini.

Quando il bambino raggiunge il secondo anno di età, è lui stesso a spazzolare piano piano i suoi dentini, come una sorta di gioco, sotto la guida della mamma o del papà.

Il dentifricio, in questa prima fase di crescita, non è prettamente necessario, anche perché in commercio non ci sono molti dentifrici adatti proprio ai piccoli.Di solito si inizia ad usare il dentifricio intorno ai 2/3 anni di età, secondo i consigli del dentista o del pediatra.

Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!

Sei un Dentista? Per la tua pubblicità Clicca Qui

Questo sito fa uso di cookie. Per saperne di più leggi l'informativa

OK